fbpx
To top
Title Image

Cura dei capelli: quali sono gli errori più comuni

27 Nov

Cura dei capelli: quali sono gli errori più comuni

Tempo di lettura: 5 minuti

Ogni giorno sottoponiamo i capelli a stress e cambi repentini di temperatura. Ci comportiamo così in maniera del tutto inconsapevole perché non riconosciamo in alcune azioni banali delle cattive abitudini che invece sarebbe meglio evitare.

Vediamo quindi quali sono gli errori più comuni nella cura dei capelli che si commettono quotidianamente e come mantenere in salute la chioma ricorrendo a prodotti di qualità e non solo.

Uno degli aspetti più sottovalutati, quando si parla di cura dei capelli, riguarda l’alimentazione. Seguire una dieta varia ed equilibrata, infatti, fa bene anche alla chioma. Perché? Come la pelle, anche i capelli assorbono le sostanze nutritive presenti negli alimenti. Così, una dieta povera di vitamine, renderà il colore opaco e spento. Consumare frutta secca invece, aiuta a prevenire la caduta dei capelli mentre i cibi ricchi di zinco ne rallentano l’invecchiamento ritardando la comparsa dei primi capelli bianchi. Quando pensiamo alla cura dei capelli quindi, iniziamo a farlo a partire dalla tavola!

Lavare i capelli troppo spesso

Si tende a pensare che lavare spesso i capelli possa ridurre la produzione di sebo e aiutare ad avere una chioma sempre pulita e in ordine. In realtà, non c’è rimedio più scorretto di questo! Lavare troppo spesso i capelli infatti, contribuisce ad accelerare la produzione di sebo perché i frequenti lavaggi scombinano il ph della pelle rendendolo sempre più debole e disidratato. Così la capigliatura tende a sporcarsi più facilmente. Anche lavarli troppo raramente potrebbe essere controproducente quindi, in conclusione, ogni quanto lavare i capelli? Sicuramente non c’è una regola valida per tutti ma in media bisognerebbe attendere 3 o 4 giorni tra uno shampoo e l’altro. La regola d’oro comunque, dice che bisognerebbe lavarli quando sono sporchi. Un’ovvietà? Non proprio! A fare la differenza, in quanto a tempistiche, è sicuramente la scelta dei prodotti. Uno shampoo per capelli grassi, ad esempio, contribuisce a normalizzare la produzione di sebo e a mantenerli puliti più a lungo.

Applicare il balsamo alle radici

Un altro errore comune riguarda il balsamo. Gran parte delle donne lo applica su tutta la chioma, indistintamente. In realtà, il balsamo dovrebbe essere steso esclusivamente sulle lunghezze, tralasciando le radici. Il balsamo, infatti, è un prodotto più denso rispetto allo shampoo, ricco di oli e di nutrienti che servono ad ammorbidire la capigliatura, a districare i nodi e a riparare le doppie punte. Stenderlo sulle radici quindi, è completamente inutile e causa anche alcuni effetti indesiderati: i capelli sembreranno sporchi anche dopo il lavaggio e tenderanno ad essere opachi e pesanti. La messa in piega durerà soltanto poche ore!

Toccare spesso il ciuffo, la frangia o le punte

Anche toccarsi i capelli con le mani non fa bene alla loro salute. C’è chi liscia il ciuffo con il palmo delle mani, chi pettina la frangia con le dita. Si tratta di gesti inconsapevoli con i quali ci prendiamo cura del nostro aspetto. In altri casi invece, maneggiare le ciocche è una sorta di tic nervoso oppure un vezzo tutto femminile. Ad ogni modo, qualsiasi cosa significhi toccarsi i capelli, qualsiasi sia il motivo per cui molte persone lo fanno, è giusto sapere che le mani portano con sé tanti germi che, in un istante, migreranno dal palmo delle mani alle radici. Meglio evitare, non credete?

Usare phon e piastra ad alte temperature

Non ci stancheremo mai di dire che piastra e phon, se usati ad alte temperature, da alleati di bellezza possono trasformarsi nei più acerrimi nemici dei capelli. Tra gli inestetismi più ricorrenti dovuti a questa cattiva abitudine ci sono le doppie punte e l’effetto crespo ma non tutti sanno che il calore eccessivo può anche sbiadire la tinta e rendere il colore più opaco, oppure che i capelli piastrati ad alte temperature tendono a elettrizzarsi più facilmente durante l’inverno. Come rimediare quindi? Sicuramente utilizzando piastre, ferri caldi e phon professionali dotati di termoregolatore. Se ciò non bastasse, allora suggeriamo di ricorrere al termoprotettore: un’applicazione di spray sulle lunghezze avvolge le fibre capillari in una sorta di film protettivo, che impedirà sbalzi e shock termici.

Non proteggere i capelli da sole, salsedine e cloro

Fasce, bandane e turbanti sono la soluzione ideale per proteggere i capelli da sole, salsedine e cloro! Al mare o a bordo piscina, tendiamo tutti a lasciarci un po’ andare e dimentichiamo però che la nostra pelle e i nostri capelli restano comunque esposti all’azione della natura e degli agenti chimici. Per non ritrovarci con in testa il fastidioso effetto “balla di fieno”, è bene utilizzare una protezione solare, risciacquare i capelli dopo il bagno in acqua salata o dolce e naturalmente indossare un cappello o un qualsiasi altro accessorio che possa coprire il capo.

Dormire con i capelli legati

Dormire con i capelli legati

Andare a letto con le trecce per avere i capelli mossi al mattino: quante donne sono colpevoli di questa cattiva abitudine? Davvero tante! In effetti, non tutte sanno che tenere i capelli raccolti anche durante la notte non fa che stressarli e indebolirli. Che sia una treccia o uno chignon, poco importa: i capelli, di notte, dovrebbero riposare, proprio come il resto del corpo! Se legarli è davvero inevitabile, allora almeno fatelo con qualche accortezza. Ad esempio, al posto dei classici elastici in nylon, preferite fasce e bandane morbide e in tessuto.

Pettinare i capelli bagnati

Siamo solite pettinare i capelli dopo lo shampoo, quando sono ancora umidi, ma i capelli bagnati sono più fragili di quelli asciutti. Le ciocche tendono a strapparsi più facilmente ed è questa la ragione per cui si perdono tanti capelli sotto la doccia o quando vengono asciugati con spazzola e phon. Per questo motivo, è consigliabile spazzolare la chioma prima del lavaggio. In questo modo, si eviterà il formarsi di nodi e potrete prevenire il formarsi di doppie punte, causato dagli strappi della spazzola.

Pettinare solo le punte

Questo non significa che si debbano pettinare solo le punte, per paura di spezzare tutto il resto! La beauty routine corretta dice infatti di pettinare i capelli dalla radice alle punte e di farlo delicatamente. Spazzolare la chioma infatti, significa anche massaggiare i punti in cui hanno sede i bulbi piliferi, stimolando la circolazione e dunque la crescita dei capelli. Inoltre, pettinare le radici aiuta anche a eliminare cellule epiteliali morte e a rigenerare la capigliatura. Quindi, spazzola in mano, pronte a dare i famosissimi 100 colpi prima di andare a dormire!

Spuntarli pensando di rinforzarli

Spuntare i capelli pensando di rinforzarli

Ultimo errore diffusissimo nei saloni da donna è quello di spuntare i capelli con la convinzione che così si rinforzeranno. Sbagliato! Le forbici e lo sfilzino causano un trauma alle ciocche e le doppie punte si riformeranno in breve tempo. Per ovviare al problema, è preferibile ricorrere a prodotti riparatori, ad esempio fare una maschera o un impacco rigenerante almeno una volta a settimana e soprattutto, rileggere da cima a fondo questo articolo una, due, tre,.. dieci volte! In questo modo impareremo a prenderci cura dei nostri capelli in maniera del tutto spontanea e naturale!